Conserviamo il nostro tempo di cervello disponibile, viva la simplessità!

By Bernard Milian

Nel 2004, un proprietario di un’emittente televisiva in Francia ha creato polemiche sostenendo cinicamente che stava vendendo ai suoi inserzionisti il “tempo-cervello disponibile” dei suoi telespettatori.

Più di quindici anni dopo, il tempo-cervello disponibile della maggior parte di noi si è probabilmente ridotto considerevolmente, poiché siamo costantemente bombardati da un flusso di informazioni e da stimoli espliciti o impliciti a cui reagire immediatamente. Per un po’, potremmo aver avuto l’illusione che gli strumenti digitali ci avrebbero liberato da compiti noiosi e ci avrebbero permesso di dedicare più tempo al pensiero. Beh, non è stato così…

La verità è che il nostro cervello è costantemente sfidato da una massa di stimoli – e-mail, Slack, Teams, Zoom, SMS, telefono, social network, ecc. – ma dove ho messo quel dannato file? La nostra “produttività” è probabilmente aumentata di dieci volte nel senso che elaboriamo molte più informazioni, ma quanto di essa è distrazione?

Non so voi, ma da parte mia ho scoperto che spesso ho le mie migliori idee al mattino sotto la doccia, o durante l’allenamento sportivo. Perché?
Probabilmente perché in queste condizioni il mio cervello non è saturo, e si lascia semplicemente andare a… riflettere.

La teoria dei vincoli da cui il DDMRP deriva, ci incoraggia a identificare il vincolo nel nostro sistema. È probabile che per molti di noi questo vincolo sia diventato la disponibilità dei nostri neuroni.

Se sei un professionista della Supply Chain, non fai eccezione: dalla mattina alla sera, ti trovi di fronte a nuovi eventi, emergenze, decisioni da prendere al momento, per non parlare di quegli incontri faccia a faccia o a distanza che non hai avuto il tempo di preparare. Se per di più sei confinato con i bambini a casa, e il fattorino suona il campanello, fa caldo …

Di fronte a questa situazione, i fornitori di Software per il Supply Chain Planning devono offrire soluzioni che liberino il tempo del cervello, consentano decisioni intuitive, rapide e facili – che si prendono senza pensarci – che semplificano la collaborazione e ti danno il tempo di migliorare.

Nelle scienze umanistiche è stato introdotto il concetto di simplessità. La simplessità (in inglese Simplexity) secondo Wikipedia è l’arte di rendere le cose complesse semplici, leggibili, comprensibili.

In effetti, il nostro cervello è un esperto di simplessità. Prendiamo l’esempio del camminare, che abbiamo imparato nei nostri primi anni.
Camminare, muoversi nello spazio, è un processo incredibilmente complesso che utilizza una moltitudine di sensori e attuatori nel nostro corpo.
Il nostro corpo è un organismo estremamente complesso, si evolve in un ambiente complesso e in continua evoluzione.
Eppure camminiamo senza pensarci. È intuitivo, riflessivo e non ci impedisce di pensare a qualcos’altro allo stesso tempo.

Se usata saggiamente, la digitalizzazione ci permette di liberare il nostro cervello, dandoci le poche informazioni di cui abbiamo bisogno per prendere decisioni in modo intuitivo.

Ciò è stato fatto con successo in alcuni settori. Prendiamo l’esempio dell’aviazione civile. La foto qui sotto è della cabina di pilotaggio del Concorde, un aereo supersonico entrato in servizio nel 1976. Hum, complesso, non credi?

old-fashioned cockpit

L’immagine qui sotto rappresenta una moderna cabina di pilotaggio degli aerei. Vedete la differenza introdotta grazie alla digitalizzazione?
Senza dubbio il cervello del pilota può concentrarsi sulle poche decisioni da prendere e sull’ottimizzazione del funzionamento dell’aeromobile e della sua rotta. Soprattutto perché il pilota automatico si occupa delle operazioni di routine.

contemporary cockpit

A proposito, anche l’MRP è stato lanciato sul mercato a metà degli anni ’70 … Francamente, osservandolo bene, il tuo ERP assomiglia più al primo o al secondo cockpit?

Tuttavia, la complessità degli aerei è notevolmente aumentata, e la densificazione del traffico aereo ha anche creato un ambiente più complesso. Abbiamo molta più tecnologia, ma il suo uso è stato reso intuitivo.

Questa è la stessa opportunità offerta dalla metodologia Demand Driven. Lungi dall’essere semplicistico, un modello demand driven stabilisce una rappresentazione digitale della supply chain dell’azienda.

Può essere utilizzato per rappresentare ambienti industriali e di distribuzione altamente complessi, esposti a un mercato altamente volatile, che coinvolge più siti, decine di migliaia di articoli, distinte basi profonde, cicli con molte operazioni, ecc. Ben progettato, questo modello ci consente di gestire questa complessità attraverso un set di punti di controllo e buffer ben posizionati e dimensionati.

Questo è anche il motivo per cui nelle soluzioni di planning DDMRP gli sviluppatori SW si sforzano di creare schermi molto puliti, processi di routine automatizzati e visualizzazioni personalizzabili che consentono a ogni utente di visualizzare in maniera semplice solo le poche informazioni necessarie per prendere decisioni nel range di orizzonte rilevante (che può di volta in volta essere l’ora, il giorno, la settimana, il mese o l’anno).
Ci vuole un sacco di simplessità per nascondere la tecnologia e abilitare l’esecuzione di azioni intuitive. Non fidarti di un software con schermi affollati!

Dobbiamo liberare il tempo disponibile per il cervello dei pianificatori e dei gestori della supply chain, in modo che, come un pilota di linea, possano concentrarsi solo sulle eccezioni e sul miglioramento del modello!

Get in Touch

Share This Story, Choose Your Platform!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Recent Posts

You may also enjoy

Stay informed with our latest updates

Name*